it  de
Archivio News

Intervista doppia: Michael e Maximilian Sölva

dal 16/02/2021

Michael e Maximilian Sölva hanno risposto alle nostre domande durante la pausa.

Quanto sei soddisfatto della stagione?

Michael: Abbiamo iniziato molto bene, ma poi siamo calati un po'. Ecco perché non possiamo essere completamente soddisfatti. Ora dobbiamo davvero schiacciare di nuovo l'acceleratore.

Maximilian: Attualmente siamo dietro le aspettative, perché il nostro obiettivo è almeno i pre-playoff. Mi aspetto un aumento delle prestazioni anche da me stesso, ma non mi sto mettendo sotto pressione perché la mia stagione è iniziata in ritardo a causa dell'intervento chirurgico. Non sono ancora al 100%.


Perché hai deciso di unirti all'HCG?

Michael: L'HCG è un club molto interessante, di cui si sentono molte cose buone. Quando mi è stata offerta la possibilità di giocare per le Furie, ho voluto prenderla, soprattutto perché l'HCG gioca in una divisione superiore rispetto al mio club di origine, il Caldaro.

Maximilian: Ho deciso di giocare per l'HCG perché penso che abbiamo una squadra giovane e motivata dove tutti hanno la possibilità di mettersi in scena. Questo è particolarmente importante in giovane età. Un altro punto è che mi permette di finire la scuola, dato che la Val Gardena non è troppo lontana da casa mia.


Quali sono le differenze tra la IHL e la Alps Hockey League?

Michael: Una grande differenza è il numero dei stranieri. Anche il ritmo e lo stile di gioco sono diversi. Nel complesso, è una grande lega.

Maximilian: Le differenze le ho notate soprattutto nel ritmo di gioco e nel linguaggio del corpo. L’allenamento è più duro. Nell'AlpsHL, contro buone squadre, se fai un piccolo errore, vieni subito punito con un gol. Per questo motivo, si cerca di giocare semplice e di mettersi bene in difesa. Inoltre, la classe individuale dei stranieri e il loro numero fanno una grande differenza.


Questa stagione l'HCG ha una squadra molto giovane e inesperta...

Michael: Penso che sia un bene, così i giocatori giovani hanno tempo per mostrarsi e per imparare. Ecco perché è prezioso essere un giovane giocatore in questa squadra. Questo ci aiuta certamente molto. Naturalmente, ci sono momenti in cui l'esperienza fa la differenza. Ma è in quei momenti che si impara di più e si può mostrare il carattere.

Maximilian: Ci sono lati positivi e negativi nell'avere una squadra giovane. Il lato positivo è che tutti hanno la stessa possibilità di dimostrarsi, perché nessuno ha un posto fisso. È così che ci si spinge a vicenda, e c'è molta sana competizione all'interno della squadra. La cosa negativa è che nelle situazioni che decidono la partita ci manca semplicemente l'esperienza per guadagnare effettivamente i punti.


Cambio di argomento: con quale giocatore vorresti giocare?

Michael: Patrick Kane.

Maximilian: Buona domanda. Non ho un giocatore preferito, ma essere sul ghiaccio con Raphael Andergassen, Matthias Mantinger o Alex Frei, anche loro di Caldaro e protagonisti nei loro club, sarebbe un grande onore per me.


Chi è il peggior perdente? Michael o Maximilian?

Michael: Il peggiore perdente sono probabilmente io.

Maximilian: Penso che entrambi odiamo perdere e ci arrabbiamo per ogni sconfitta. Tuttavia, dopo aver digerito la sconfitta, possiamo guardare indietro alla gara in modo neutrale e cercare di sradicare gli errori commessi nella prossima partita.


Chi di voi due ha più grinta?

Michael: Siamo entrambi molto determinati. Ma credo di essere forse un po' più grintoso io.

Maximilian: Forse mio fratello ha il minimo vantaggio qui, ma è difficile per me individuare uno di noi, perché siamo entrambi molto ambiziosi.


Chi vinceva più spesso giocando a hockey quando eravate piccoli?

Michael: Abbiamo sempre giocato insieme, quindi non posso dirlo.

Maximilian: Abbiamo vinto più o meno le stesse cose perché io e mio fratello di solito giocavamo nella stessa categoria.


Hai qualche talento nascosto?

Michael: Mi piace molto la produzione di vino.

Maximilian: Non penso di avere troppi talenti nascosti. Forse la calma e la compostezza con cui affronto le cose è un bene. Nel caso di mio fratello, mi viene in mente il periodo a scuola, perché studiava molto poco eppure ha sempre preso buoni voti. Gli altri dicono che la sua resistenza alle feste è un un talento (ride).


Chi ne sa di più sul vino?

Michael: Quando si tratta di vino, sono quello che ne sa di più.

Maximilian: In questo ambito, devo cedere il passo a mio fratello. Poiché ha già finito gli studi e lavora, ha più esperienza e quindi ne sa di più.


Dove ti vedi tra 10 anni?

Michael: Molto difficile da dire.

Maximilian: Questa domanda è molto difficile da rispondere perché non si sa mai cosa può succedere. Non si possono prevedere gli infortuni, per esempio. A 28 anni, sei nella miglior età e chissà cosa è possibile. Ma tra 10 anni, mi vedo sicuramente in stadi pieni di tifosi, perché speriamo di aver finalmente superato la pandemia (ride). Mancano davvero tanto gli spettatori.

Elenco news
Calendario
Fuori casa
In casa
Altri eventi da non perdere
Newsletter
Team serie A - AHL
HOCKEY CLUB GHERDËINA
Str. Nives 17 - 39048 Selva Gardena
Tel: +39 3358342348 - info@hcgherdeina.com
Partita IVA: IT 00665730214 - Iban: IT38P0823858680000302024128
MAIN SPONSOR